La processione mesta
dei sopravvissuti
sfila attraverso la navata
maleodorante d’incenso
e di grevi pensieri.
Ognuno, suo malgrado,
consuma con disagio
un anticipo di morte
e, quando in accordo
con lo scandire dei requiem
gravi battono i rintocchi,
la campana suona per lui.