Nel buio incombente
di questo giorno
breve di novembre,
che precoce si spegne
in giochi d’ombre
alle pareti e scintille
dal camino accendono
focolai di memorie,
mi è facile risentire
il suono della tua voce
allungare ancora la sera
in fantasie di parole
che vincono il sonno.